COS'È IL C.A.I.?


È una libera associazione nazionale, che ha per scopo l'alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne, specialmente quelle italiane, e la difesa del loro ambiente naturale.


Tot. visite contenuti : 143848

ESCURSIONI DELLA SETTIMANA

Domenica 9 Dicembre 2018

Gruppo escursionismo

 

 

 

 

 

 

Domenica 16 dicembre 2018

Cozzo Serradaino (m 553)


Riunione dei partecipanti in piazza Croci alle ore 8,15 e partenza alle ore 8,30 con automezzi propri per autostrada Pa-Me fino all’uscita di Castelbuono; proseguimento lungo la statale 113 in direzione Messina per circa

5 km e deviazione per Strada Provinciale di Pollina fino al  km 5,300, indi su carrozzabile per il demanio forestale. A piedi lungo un itinerario panoramico.

Colazione al sacco in area attrezzata (possibilità di cucinare alla brace: in assenza di legna o qualora questa sia umida, è consigliabile usare la carbonella)

Accompagnatore: Matteo Fresta

*******************

Dislivello: m 200 circa

Lunghezza del percorso: km 6 circa

Tempo di marcia: ore 2,30’ circa

Natura del percorso: stradella (T-E)

Carta I.G.M. 1: 25:000  F° 260 IV NE Pollina

CONTRIBUTO SPESE DI LOCOMOZIONE (per i partecipanti sprovvisti di automezzo proprio): € 11 da corrispondere al proprietario dell’auto.

Contributo non soci € 10

Si consiglia l’uso di scarponi


 

 



 

ATTIVITA' CULTURALE

Fedone

Il Fedone è il dialogo di Platone che parla delle ultime ore di Socrate: da un lato ci sono i discepoli di Socrate, affranti e mesti, e dall’altro lui, il condannato a morte che dovrebbe essere preoccupato più di tutti e che invece ride, scherza, dialoga, come sempre ha fatto, semplicemente perché….la morte non esiste!

Il Fedone di Platone, rivisto da Sofia Muscato, è un’opera in cui un messaggio filosofico straordinario viene reso in siciliano, in rima e in chiave ironica. Il testo affronta il tema della morte, con tutto il bagaglio emotivo e di sofferenza che si porta dietro…ma si ride, altro che se non si ride! Perché…la morte non esiste! Socrate parla ai suoi nel dialetto della nostra terra, li convince, usando paragoni estrapolati dalla nostra quotidianità e ci consente di sorridere di un argomento quasi sempre tabù.

Il testo è semplice. L’opera adatta a tutti, anche a chi non ha una preparazione filosofica. L’importante è volere capire perché le leggi dell’anima sono più forti di quelle del corpo e perché anima e morte sono incompatibili. Il tutto ridendo!

 

 

RICORDA:

Chi non è socio può partecipare alle escursioni pagando una quota di €10,00 da consegnare al direttore presso il luogo di incontro di tutti i partecipanti, valida come acconto per la sua futura iscrizione purché entro l'anno sociale.

Se ti avvicini al mondo della montagna per la prima volta, è consigliabile leggere la sezione “PER INIZIARE”.