COS'È IL C.A.I.?


È una libera associazione nazionale, che ha per scopo l'alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne, specialmente quelle italiane, e la difesa del loro ambiente naturale.


Tot. visite contenuti : 173860

ESCURSIONI DELLA SETTIMANA

 

 

 

 

 

sabato 28 novembre 2020

La scaletta della Perciata (m 450)
Accompagnatori: G. Fontana, M.Patricola
Appuntamento alle ore 8,15 a Mondello in Piazza Caboto.
il Monte Pellegrino, osservato dall’Addaura,  appare inaccessibile e con pareti verticali e falesie che si stagliano ripide verso il cielo. In realtà, anche su questo versante, si trovano antiche vie di accesso al Monte; alcune percorribili con tecniche alpinistiche, altre riservate ad escursionisti esperti che abbiano dimistichezza a muoversi in ambienti rocciosi a tratti impervi, con buon allenamento e non soffrano di vertigini. Sabato saliremo in quota attraverso la scaletta della Perciata, le cui pareti guardano verso Ustica ed appaiono fittamente ricoperte da vegetazione.

Scheda Tecnica:
Lunghezza del percorso: km 6;
Dislivello: m 450;
Tempo di marcia: ore 5
Natura del percorso: ripido pendio roccioso con passaggi di I e II grado (UIAA),
pietraia in salita ed in discesa, sentiero e terreno naturale (EE)

Note:
Percorso riservato ad escursionisti esperti e ben allenati, abituati a muoversi in ambiente roccioso impervio e che non soffrano di vertigini. Obbligatorio l’uso di bastoncini e del caschetto. Consigliato 1,5 lt di acqua. Per la partecipazione é necessario prenotarsi telefonando a Massimiliano al numero 338/9745353. Quota di partecipazione non soci Euro 15 incluso copertura assicurativa obbligatoria.

 


 

Domenica 29 novembre 2020
Monte Grifone (m 832, Monti di Palermo)
accompagnatori: Matteo Fresta e Giuseppe Ippolito

Tra le classiche mete dell'escursionismo palermitano il "grifone" è una delle punte più frequentate dei monti della Conca d'Oro. Apprezzata soprattutto per la vista da meridione che offre sulla città di Palermo. La salita classica è dal versante NW per Baglio Meli e Scala dei Muli, mulattiera che collegava rapidamente il paese di Belmonte Mezzagno con Palermo. Altra possibile salita (ma purtroppo ultimamente chiusa da un cancello privato), poco più orientale è da Santa Maria di Gesù e poi contrada Sferrovecchio. Le pendici settentrionali di questo monte hanno ospitato il cavalletto del pittore paesaggista ottocentesco Francesco Lojacono che ha fissato sulla tela "luce" e aspetto dei monti, del mare e della pianura di Palermo tra la fine dell'ottocento e l'inizio del novecento. Allora la città era limitata intorno al porto naturale nella Cala e tutto il resto era una fertile pianura variamente coltivata e percorsa da stradine sterrate e polverose. Più o meno negli stessi anni in cui Lojacono dipingeva era attiva (dal 1870) la sezione palermitana del Club Alpino di cui faceva parte anche il marchese De Gregorio. Tra le altre il marchese ci ha lasciato la descrizione di una escursione del Club Alpino al Monte Grifone, pregevole soprattutto per le osservazioni naturalistiche. Il nome "grifone", come altrove quello di "vuturo", evoca la presenza, tra le rupi, di una colonia di avvoltoi grifoni, grandi uccelli che si nutrono delle carcasse degli animali. L'ultima colonia di questa specie, quella sui Nebrodi, si è estinta nel 1960 in conseguenza di una scriteriata campagna di sterminio delle volpi tramite bocconi di carne avvelenata. Il versante nord - orientale del Monte Grifone è ripido e roccioso e non presenta agevoli vie di salita, ma i piedi della montagna, tra le borgate di Ciaculli e Croceverde, particolarmente umidi, sono rinverditi dalla coltura di una varietà pregiata di mandarino detto "tardivo di Ciaculli". Alla base della cresta settentrionale di Monte Grifone, sotto Pizzo Crocchiola (m 475), si apre la grotta di San Ciro, importantissima per la storia naturale per il ritrovamento al suo interno di una grande quantità di ossa fossili di mammalofauna vissuta nel Pleistocene.

Programma

Raduno dei partecipanti a Piazza Croci (Palermo) alle ore 8.00 e partenza alle ore 8.15 per San Ciro, Chiavelli, Santa Maria di Gesù, Baglio Meli e base della "Scale dei Muli". A piedi per Scala dei Muli, Passo Forbice e Jencheria in vetta al Monte Grifone. Pranzo al sacco e discesa per Purtidduzza, Piano Casa, Portella Palermo e Scala dei Muli.

Scheda tecnica dell'escursione:

Dislivello: circa 800 metri in salita e discesa;

Tempo di cammino: circa 4 ore;

Lunghezza del percorso: km 10 circa;

Natura del percorso: sterrate, sentieri e terreno naturale.

Difficoltà: escursionistica (E).

Obbligatorio l'uso di scarponi.

Contributo spese carburante per chi usufruisce di passaggio in auto: 2,00 euro

(Si ricorda che la normativa anti Covid-19 impone max 3 persone per autoveicolo con uso di mascherina, a meno che non si sia conviventi).

Contributo non soci (che in caso di associazione al C.A.I. nell'anno sociale in corso, varrà come acconto): 10,00 euro.

Ai non soci è vivamente consigliata l'assicurazione giornaliera (7,50 euro per il risarcimento danni da infortuni e 5 euro per il Soccorso Alpino), da stipulare il martedì o il giovedì precedenti l'escursione, nella nostra sede di Palermo, in via N. Garzilli 59, aperta il martedì e il giovedì dalle 17 alle 19.

Ciascun partecipante dovrà attentamente valutare se l'escursione sia adatta alle proprie capacità fisiche, allo stato di salute e di allenamento. I partecipanti esonerano il C.A.I. e gli accompagnatori di gita da ogni responsabilità civile per infortuni che dovessero verificarsi durante l'escursione.

Si ricorda che a causa della pandemia da Covid-19 la prenotazione è obbligatoria, che i partecipanti non potranno essere più di 20+2 accompagnatori, che dovranno sottoscrivere il modulo di auto certificazione.
Per informazioni e prenotazioni: 3403380245 (G. Ippolito) oppure in sede;

 


 

 

Norme per la partecipazione alle escursioni in periodo Covid-19

 

CLICCARE ↑

 

 


 

 

MODULO AUTOCERTIFICAZIONE

CLICCARE ↑

 

 

 


 

 

 

 


 

RICORDA:

Chi non è socio può partecipare alle escursioni pagando una quota di €10,00 da consegnare al direttore presso il luogo di incontro di tutti i partecipanti, valida come acconto per la sua futura iscrizione purché entro l'anno sociale.

Se ti avvicini al mondo della montagna per la prima volta, è consigliabile leggere la sezione “PER INIZIARE”.