COS'È IL C.A.I.?


È una libera associazione nazionale, che ha per scopo l'alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne, specialmente quelle italiane, e la difesa del loro ambiente naturale.


Tot. visite contenuti : 163865

ESCURSIONI DELLA SETTIMANA

 

 

 

 

 

 

 

 

17-18 aprile 2020 elezioni

 

 

Carissimi Soci della Sezione di Palermo,


il 17 e 18 aprile si svolgeranno le elezioni per il rinnovo delle cariche sociali del il triennio 2020-2023 (riceverete la convocazione almeno 15 giorni prima). Le cariche sociali per cui si voterà sono: 11 Consiglieri; 3

Revisori dei conti; 1 Delegato alle Assemblee dei delegati.


Pertanto i soci eleggibili, in possesso delle condizioni di idoneità previste dal Titolo VIII del Regolamento generale del Cai, che intendano proporre la propria candidatura, dovranno comunicarla per iscritto al Comitato

Elettorale utilizzando l'apposito modulo in distribuzione presso la Segreteria della Sede negli orari di apertura della Sezione (Martedì e Giovedì dalle 17 alle 19, entro e non oltre le ore 19 di martedì 17 Marzo 2020.


Si ricorda che a norma del regolamento sezionale per le elezioni sono soci elettori tutti i soci maggiorenni della Sezione e delle Sottosezioni in regola con il versamento della quota sociale dell'anno in corso (2020),

mentre sono eleggibili i soci maggiorenni iscritti da almeno due anni compiuti. Inoltre il socio elettore ha il diritto di esprimere il proprio voto a favore di QUALUNQUE socio maggiorenne della Sezione o delle Sottosezioni

(purché iscritto da almeno due anni compiuti), anche se non candidato.

 


 

1 Marzo 2020

MONTE DEI CAVALLI (1007m.)

Accopagnatori LATINO Sergio ASES (3478409822) LA MANTIA Diego

Montagna dei Cavalli , l’antica Hyppana, fondata dai Sicani attorno VII secolo a.c., successivamente controllata dai greci e poi dai romani perche alleata di Cartagine. Hyppana era  strategica, in quanto tramite il fiume

Sosio aveva il collegamento con Eraclea Minoa, Selinunte e il Mediterraneo e tramite il fiume San Leonardo aveva lo sbocco nel Tirreno. Dopo la conquista dei Romani, fu costruita la più antica strada consolare Palermo

Agrigento l’attuale SS 118 “Corleonese –Agrigentina”

Raduno dei partecipanti ore 7.45 Piazza Francesco Crispi (Piazza Croci)

Partenza ore 8.00 con automezzi propri su SV PA/AG uscita Bolognetta proseguimento per Marineo, Corleone,  Prizzi. A piedi lungo il vallone Hyppana fino alla confluenza del Fiume Sosio e per il versante Sud-Ovest in

vetta. Discesa per il Nord.


Dislivello 381m. : Q/q  1007/626

Lunghezza del percorso: 7km circa

Tempo di marcia: 4.30 escluse le soste

Natura del percorso: stradella, sentiero e breve tratto di sentiero naturale (E)

Contributo spese di benzina euro 8; contributo non soci euro 10 da detrarre per eventuale iscrizione al Cai. Ai non soci si consiglia di stipulare l’assicurazione giornaliera per infortuni (E. 5.57) e/o soccorso alpino

(E.3.00) il martedì o il giovedì precedenti l’escursione in segreteria dalle 17.00 alle 19.00

Rientro previsto a Palermo ore 17.00

 


 

1 Marzo 2010

Ex stazione Calatafimi - Monte Baronia (630 m)

Accompagnatori: G. Alfano, G. Lo Brano.

Descrizione:

Il percorso proposto inizia dalla ex stazione di Calatafimi e raggiunge Vita, piccolo paese della valle del Belice, sul tracciato della ferrovia a scartamento ridotto che in progetto doveva collegare

Calatafimi con S. Ninfa, ma che per motivi legati all’ultimo conflitto mondiale non fu mai portata a termine. Quindi si prosegue verso la vetta di  M. Baronia su sentieri nel bosco di conifere e alcuni brevi

tratti di terreno naturale da percorrere a piedi. Pausa per il pranzo al sacco. Discesa su stradella forestale e su strada a Vita e, attraversando le colline che videro la famosa e anche controversa battaglia

di Calatafimi (1860), all’ossario di Pianto Romano che Ernesto Basile realizzò nel 1892. Discesa verso Calatafimi e breve ma ripida salita ai ruderi del Castello Eufemio, fortezza sveva, di probabile origine

elima, ancora in uso come carcere nel periodo borbonico. Attraversamento della cittadina di Calatafimi proseguendo per il Santuario Madonna del Giubino e ripida discesa all’ex stazione Calatafimi.

Programma:

Raduno dei partecipanti a Piazza Croci alle ore 7:45.

Partenza alle ore 8 con automezzi propri + bici per Calatafimi. In bici dalla ex stazione Calatafimi lungo il tracciato dell’ex ferrovia fino a Vita e quindi per Gorgo delle Sanguisughe a M. Baronia. Salita in vetta e pranzo

al sacco. Ritorno per contrada Giudea a Vita e da falde di M. di Pietralunga, all’Ossario di Piato Romano. Proseguimento per Calatafimi e salita al Castello Eufemio. Conclusione della ciclo escursione passando per il

Santuario del Giubino e quindi ripida discesa per contrada Gaggera alla ex stazione di Calatafimi.

Fine escursione prevista per le ore 17:30 circa.


Lunghezza del percorso: 34,5 km. circa.

Dislivello complessivo: 770 m circa.

Tempo di pedalata: 5h circa.

Natura del percorso: asfalto, sterrato e breve tratto di terreno naturale.

Grado difficoltà: MC/MC (media capacità).

Fascia altimetrica: 164 m / 630 m

Equipaggiamento obbligatorio:

Mountain bike efficiente;

Casco;

Camera d’aria di scorta.

Distanza e tempo di percorrenza in auto: 72 km - 1h  circa.

Contributo spese carburante per chi usufruisce di passaggio in auto: 7,00 euro.

Contributo non soci (che in caso di iscrizione al C.A.I nel corso dell’ anno sociale varrà come acconto): 10,00 euro.

Ai non soci è vivamente consigliata l'assicurazione giornaliera (5,57 euro per il risarcimento danni da infortuni e/o 3 euro per il Soccorso Alpino), da stipulare il martedì o il giovedì

precedenti l’escursione, nella nostra sede di Palermo, in via N. Garzilli 59, aperta dalle 17:30 alle 19:00.

Per informazioni e adesioni contattare Giuseppe Alfano al  3341947649

Oppure Giovanni Lo Brano al 3316029343

È importante tenere presente che le cicloescursioni organizzate dal C.A.I. non sono competizioni, non vi è assistenza medica lungo il percorso, ne punti di ristoro e che per la loro estensione possono comprendere

fondi stradali e pendenze assai varie che, pur non presentando rischi e difficoltà dal punto di vista tecnico superiori a MC/MC (media capacità), prevedono una certa predisposizione alla conduzione della bici ed un

adeguato equipaggiamento: MTB efficiente, casco, kit per riparazione gomme, acqua da bere ed indumenti adatti per eventuale pioggia o freddo. Ciascun partecipante dovrà attentamente valutare se la

cicloescursione sia adatta alle proprie capacità fisiche, allo stato di salute e di allenamento. I partecipanti esonerano il C.A.I. e gli accompagnatori di gita da ogni responsabilità civile per infortuni che dovessero

verificarsi durante la cicloescursione.


 


 

1 Marzo 2020

Pizzo Telegrafo (m.952)

Accompagnatori: ASE M. Patricola e F. Patricolo

Partenza da Piazza Croci alle ore 8 con auto proprie per SV Palermo Sciacca sino all’uscita di Sambuca di Sicilia; Proseguimento lungo la SS 188 per Sambuca e Chiusa Sclafani fino al km 97,200.

Il gruppo montuoso del Pizzo Telegrafo è costituito prevalentemente da rocce carbonatiche, formatesi per effetto di depositi in ambiente marino a diverse profondità ed emerse a seguito della collisione tra il blocco

Pelagiano e la crosta Panormide.

Si erge al margine meridionale dei Monti Sicani e fa parte della dorsale montuosa orientata E-O che separa a la depressione di Sambuca e del Lago Arancio a Nord, da quella che ad ovest di Sciacca si estende sino a

Capo S. Marco.

Ad una quota comtresa tra 850 e 900 m si sviluppa un ampio altopiano in prossimità del Pizzo Telegrafo la cui vetta e un panoramicissimo punto trigonometrico.

L’escursione si sviluppa ad anello, principalmente lungo il versante Nord, che appare fittamente ricoperto da formazioni artificiali di conifere. Colazione al sacco in vetta e termine dell’escursione prevista intorno alle

16,30.

Scheda Tecnica:

Dislivello: m 650;

Lunghezza del percorso: km 15 ca;

Tempo di marcia: ore 5 ca.

Natura del percorso: Stradella, sentiero e tratti di terreno naturale in prossimità della vetta. (E)

Cartografia IGM 1/25000 F° 266 IV NE Sambuca di Sicilia

Obbligatorio l’uso di scarponi, consigliata una scorta di acqua di lt. 1,5 e adeguate protezioni solari

Contributo Spese di locomozione: €. 8; quota partecipazione non soci €. 10

 

 


 

 

 

Sabato 7 Marzo 2020

Escursione sociale più pranzo

Tulipani di Blufi e Urban trek a Petralia Soprana

Accompagnatori  LATINO Sergio Ases (3478409822) TODARO Rita

Riunione dei partecipanti Piazza Boiardo (stazione Notarbartolo) ore 7.45

Ore 8.00 partenza con automezzi propri per A19 Pa/Ct  uscita Irosa proseguimento per Blufi giardino dei tulipani, visita Santuario madonna dell’Olio e sorgente Madonna dell’Olio. Proseguimento per Petralia Soprana,

inizio dell’Urban trek nel Borgo più bello d’Italia 2018. Seguirà pranzo preeso la trattoria Lu Carmè di Petralia Soprana.

Escursione riservata ai soci previa prenotazione in segreteria entro giovedi  5 marzo  con versamento di euro 22.00 (costo del pranzo).  All’atto della prenotazione specificare eventuale intolleranze alimentare

Rimborso spese carburante da corrispondere al  proprietario dell’auto euro 10.

Rientro previsto a Palermo ore 17.00

 

 

Menù

Antipasti Madonita

Caponata di verdurine, di stagione,carpaccio di maiolino con rucola e scaglia di parmigiano, girello di vitello, pancettina nostrana,salamini, olive,pomodori secchi, formaggi, frittata di ricotta e

ricotta al al,forno.

Primo

Maccheroncini al ferretto (pasta fresca) con funghi porcini, e sbriciolata di salsiccia.

 

Secondo

 

Stracotto di carne  mista (vitello e maiale) all’astratto di Sicilia, patate novelle.

 

Dessert


Sfoglio madonita

Vino

Acqua

Caffè.

 

 

 

 

 

RICORDA:

Chi non è socio può partecipare alle escursioni pagando una quota di €10,00 da consegnare al direttore presso il luogo di incontro di tutti i partecipanti, valida come acconto per la sua futura iscrizione purché entro l'anno sociale.

Se ti avvicini al mondo della montagna per la prima volta, è consigliabile leggere la sezione “PER INIZIARE”.