COS'È IL C.A.I.?


È una libera associazione nazionale, che ha per scopo l'alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne, specialmente quelle italiane, e la difesa del loro ambiente naturale.


Tot. visite contenuti : 149607

ESCURSIONI DELLA SETTIMANA

Domenica 25 Aprile 2019

Gruppo escursionismo

 

 

 

 

 

25 aprile 2019

Primavera a Monte Iato (m 852)

 

Escursione Intersezionale con la s/Sezione di Caccamo

Accompagnatori: M. Patricola - G. Geraci

Appuntamento alle ore 8, a Piazza Croci e partenza con auto proprie per SS 624 Palermo-Sciacca sino allo svincolo di San Giuseppe Jato; raduno alle ore 8,30 con i soci del Cai di Caccamo dopo lo svincolo, in prossimità

del cimitero. Proseguimento verso S. Cipirello; alcune auto saranno lasciate lungo il percorso.

Il Monte Iato è un rilievo calcareo che si erge a Nord della valle omonima; appare come un rilievo isolato su tre versanti con pendii molto ripidi, ad eccezione del versante est che è collegato con la dorsale montuosa,

orientata da ovest verso est, che giunge sino a Marineo e di cui fanno parte anche il monte Kumeta, il monte Rossella e termina con il Pizzo Parrino.

La particolare conformazione del Monte, la cui parte sommitale è costituita da un ampio piano inclinato verso Sud, i ripidi pendii che ne rendevano poco agevole l'accesso e l'ampia visuale che si domina da lassù hanno

reso Iato un luogo ideale perché l'uomo ci si insediasse sin dal periodo arcaico ed abitasse il sito in maniera pressoché  interrotta sino alla metà del XIII secolo fino a quando, dopo un lungo assedio, le truppe

federiciane espugnarono la città e deportarono gli abitanti musulmani a Lucera.

Dell'antica Iato, a dimostrazione di quanto fosse florido l'insediamento all'epoca, giungono ai nostri giorni un teatro greco, un tempio dedicato ad Afrodite, due case a peristilio, una casa arcaica, l'agorà, due

bouleuterion.

A piedi, raggiungeremo la parte sommitale del Monte attraverso il sentiero 502 che sale attraverso il versante Sud, offrendoci ampie vedute sulla valle del Belice destro, sulla Rocca Busambra, il Pietra Lunga dalla

caratteristica forma a punta, il monte Arcivocalotto, i monti Sicani.

Giunti in quota, dopo la visita dell'insediamento, inizieremo la discesa verso S. Giuseppe Jato attraverso il sentiero 501 del versante nord, passando attraverso la "Scala di ferro2", una passaggio lungo circa 40 metri,

scavato nella roccia e di cui si ha traccia negli scritti di Goffredo Malaterra, un cronista della conquista normanna in Sicilia.

Questo versante appare ricco di vegetazione ed in questo periodo, in particolar modo, di fioriture di varie specie tra cui orchidee, viole, il profumatissimo calicotome spinoso dai fiori di un colore giallo intenso, ed ancora

un boschetto di querce.

Il termine dell'escursione è previsto intorno alle 16; la colazione al sacco sarà effettuata in vetta.

Nota tecnica:

Lunghezza del percorso:

Dislivello: 430 m

Tempo di marcia: ore 3

Natura del percorso: sentiero, stradella e breve tratto di strada asfaltata (T/E)

Contributo quota carburante E. 4; quota non soci E. 10



 

 


Cicloescursione organizzata dal gruppo MTB CAI Palermo

DOMENICA 28/4/2019

Ex ferrovia Gibellina Nuova – Salemi

Accompagnatori: G. Alfano, G. Lo Brano

Descrizione: Gibellina Nuova risulta essere uno dei pochi, sia pure controversi, esperimenti urbanistici realizzati in Italia nel dopoguerra. Distrutta dal terremoto che colpì la valle del Belice nel 1968, si decise di ricostruirla ex novo lontano una decina di chilometri dal vecchio sito, che oggi è ricoperto dal Cretto di Burri. Evidentemente sovradimensionata rispetto alle necessità dell’attuale popolazione, presenta varie opere di noti artisti ed architetti disseminate per il paese ed un vasto museo d’arte moderna.

Salemi, l’antica Halicyae sicano-elima, la cui origine si fa risalire al VII-VI sec. a.C. conserva ancora un impianto urbanistico arabo.

Anch'essa danneggiata dal terremoto del 68', fu affiancata da nuovi quartieri nelle immediate vicinanze. Il centro storico fu in buona parte attentamente recuperato e reso abitabile anche se persistono quartieri come il Rabato e la Giudecca che mostrano ancora evidenti danni e sono pressoché abbandonati.

Due filosofie diverse di come queste due comunità hanno realizzato la ricostruzione post terremoto e che durante la nostra cicloescursione avremo modo di vedere.

Programma: Raduno dei partecipanti a Piazza Croci alle ore 7:45. Partenza alle ore 8 con automezzi propri + bici per Gibellina Nuova. In bici da Gibellina Nuova sulle tracce dell’ incompiuta ferrovia Calatafimi - Santa Ninfa e su strade poderali fino a Salemi. Visita del centro storico e del castello. Ritorno su strade provinciali a Gibellina, visita del paese e del Baglio Di Stefano. Fine dell’escursione prevista per le 17:30 circa.

Dislivello complessivo: 360 m. circa

Lunghezza del percorso: 31,5 km. circa.

Tempo di pedalata: 4 h circa.

Natura del percorso: strada asfaltata e sterrata.

Grado difficoltà: TC/TC (Turistica) con tratto di 2,2 km MC/MC (media capacità)

Obbligatorio l’uso del casco.

Distanza e tempo di percorrenza in auto: 90 km - 1 h 10’ circa.

Contributo spese carburante per chi usufruisce di passaggio in auto: 9,00 euro.

Contributo non soci (che in caso di iscrizione al C.A.I nel corso del anno solare varrà come acconto): 10,00 euro.

Ai non soci è vivamente consigliata l'assicurazione giornaliera (5,57 euro per il risarcimento danni da infortuni e 3 euro per il Soccorso Alpino), da stipulare il martedì o il giovedì precedenti l’escursione, nella nostra sede di Palermo, in via N. Garzilli 59, aperta dalle 17:30 alle 18:30.

Per informazioni contattare Giuseppe Alfano al 3341947649

È importante tenere presente che le cicloescursioni organizzate dal C.A.I. non sono competizioni, non vi è assistenza medica lungo il percorso, ne punti di ristoro, ma per la loro estensione possono comprendere fondi stradali e pendenze assai varie che, pur non presentando rischi e/o difficoltà dal punto di vista tecnico superiori a MC/MC (media capacità), prevedono una certa predisposizione alla conduzione della bici ed un adeguato equipaggiamento: MTB efficiente, casco, kit per riparazione gomme, acqua da bere ed indumenti adatti per eventuale pioggia o freddo. Ciascun partecipante dovrà attentamente valutare se la cicloescursione sia adatta alle proprie capacità fisiche, allo stato di salute e di allenamento. I partecipanti esonerano il C.A.I. e gli accompagnatori di gita da ogni responsabilità civile per infortuni che dovessero verificarsi durante la cicloescursione.

 


 

 

GRUPPO SENIORES

DOMENICA 28/4/2019

Escursione Isola di Mozia e Saline di Marsala

 

L’isola di Mozia, colonia fenicia, successivamente bizantina che gli diedero il nome di Isola di san Pantaleo, di proprietà della famiglia Whitaker oggi della Fondazione Whitaker. Interessante museo archeologico dove si

può ammirare la famosa statua del giovinetto. A

seguire visita alle saline di Marsala.

Raduno dei partecipanti Piazza Francesco Crispi (Piazza Croci) ore 7.45; partenza ore 8.00  per Mozia con automezzi propri. Autostrada Pa/Marsala uscita aereoporto Birgi proseguire per strada provincinciale

direzione marsala alla prima rotatoria svoltare a Dx

fino all’imbarcadero per Mozia.

Dislivello: inesistente

Lunghezza del percorso: periplo dell’isola (km2 circa)

Consigliabile uso scarpe da trekking e abbigliamento sportivo consono alla stagione.

Colazione a sacco. (si consiglia abbondante riserva idrica almeno 2 lt)

Costi: imbarcazione per Mozia Euro 3 A/R;  ingresso Isola Euro 6 comprensivo di visita al museo archeologico; Visita alle saline Euro 7.

Rimborso spesa carburante da corrispondere al proprietario dell’autovettura Euro 13.

Rientro previsto a Palermo ore 18.00 circa

 


 

 

GRUPPO SENIORES

DOMENICA 28/4/2019

Escursione sociale a Pizzo Crastone (m 733)

Riunione dei partecipanti in piazza Croci alle ore 7,45 e partenza alle ore 8 con automezzi propri per autostrada Palermo – Mazara del Vallo fino all’uscita di Castellammare del Golfo; proseguimento per il

Belvedere e deviazione per la strada forestale percorrendola per circa km 1,5.

Colazione a sacco.

Ritorno lungo stradelle di Contrada Stagnone e rientro in città previsto per le ore 18 circa.

Accompagnatori: Matteo Fresta e Antonietta Varvaro

Dislivello: m. 550

Lunghezza del percorso: 8 km circa

Tempo di percorrenza: ore 4,30’ circa

Natura del percorso: stradella e sentiero  (E)

Carta I.G.M. 1/25.000 F° 248 II SE  Castellammare

Obbligatorio l’uso di scarponi

Quota di partecipazione non socio €  10

CONTRIBUTO SPESE DI LOCOMOZIONE (per i partecipanti sprovvisti di automezzo proprio) € 7 da corrispondere al proprietario dell’automezzo.

 


 

 

4-5 Maggio 2019

NEBRODI

 

ACCOMPAGNATORI ESURSIONISMO

Nunzia Caravà- Francesco Patricolo


1° GIORNO

Appuntamento ore 7:45 da Antichità Trionfante e partenza ore 8:00 con le proprie autovetture per Cesarò. Arrivati a Portella Femmina morta, si lasceranno le autovetture ed a piedi ci si dirigerà verso Monte Soro. Il

sentiero che tocca anche  i laghi, costituisce una tappa della famosa

Dorsale dei Nebrodi. L’ultimo tratto del sentiero si trova nella bellissima faggeta di Mangalaviti.

Tempo di percorrenza: 5 ore

Difficoltà: E

Lunghezza: 10 km

Dislivello: in salita 500 m

2° GIORNO

Partenza per Maniace e proseguimento per  C.da Petrosino , dove si lascieranno le macchine.  All’inizio del sentiero  si incontrano le prime sorgenti d’acqua, la “Sorgente Farina”, la “Sorgente Fanusa” e, prima di arrivare

alla “Sorgente Virgilio”  si passa nei pressi del rifugio forestale

“Donnavida”, con l’omonima Sorgente. Proseguendo si vedrà l’obelisco di Nelson.

In serata rientro a Palermo.

Tempo di percorrenza: 7/8 h

Difficoltà: E

Lunghezza: 18 km

Dislivello: in salita 750 m

L'adesione all'escursione (6 camere doppie per un massimo di 12 persone), deve essere data nelle sede del Cai di Palermo entro martedi 9 Aprile 2019 dalle 17:30 alle 18:30, versando l'acconto di euro 50,00.  Inoltre

la partecipazione dei non soci è consentita con il versamento delle

quote stabilite nel programma dettagliato e solo dopo avere dato la precedenza alla partecipazione dei soci, primi tra tutti quelli della Sezione di Palermo. La quota di partecipazione dei non soci di 10 Euro non include

l'assicurazione e devono stipularla lo stesso giorno della prenotazione.

Spese: Hotel Mazzurco località Cesarò euro 50,00 a persona, in mezza pensione.

Pranzi a sacco a carico di ciascun partecipante;

Contributo carburante euro 20.00, compreso pedaggio autostradale.

 

 

 


11 – 12 maggio 2019

Giro delle Madonie:

Geraci Siculo

Pizzo Catarineci–Piano Battaglia-Pizzo Canna–Portella Mandarini

Geraci Siculo


Accompagnatori: Luigia Di Gennaro - Enzo Scozzola

Escursione di interesse geologico e paesaggistico

SABATO 11 MAGGIO

Appuntamento da Trionfante Antichità alle ore 6.45 e partenza ore 7.00 per Geraci Siculo.

A  Piedi  per Marcato Cixe e Piano Catarineci (1600 m s.l.m.); discesa verso Case Gorgonero e salita verso Portella di Mele e poi verso case Pomieri, case La Pazza, case Faguara e Piano Battaglia.

Cena e Pernottamento.

Dislivello: in salita 1300 m, in discesa 700 m.

Lunghezza: circa 22 km circa.

Tempo di marcia: 9 ore circa.

Natura del percorso: stradelle, sentieri (EE)

DOMENICA 12 MAGGIO

da Piano Battaglia verso vallone Faguara, Sella di Pizzo Canna, Vallone Sambuchi, Vallone Gimmeti Portella di Colla, Cozzo Scaletta d’Alfano , San Cosimano e Geraci.

Dislivello: in salita 600 m, in discesa 1200 m.

Lunghezza: circa 20 km circa.

Tempo di marcia: 8 ore circa.

Natura del percorso: stradelle, sentieri (EE)

Escursioni riservate a persone ben allenate; obbligatorio l’uso degli scarponi. I direttori si riservano la possibilità di modificare il percorso in base alle condizioni metereologiche.

 


 

 

 

1-2 Giugno 2019

 

LEVANZO-FALIGNANA

ACCOMPAGNATORE ESURSIONISMO

Nunzia Carava

ACCOMPAGNATORE CICLOESCURSIONISMO

Salvatore Musso

1° GIORNO

Appuntamento ore 7:30 a Piazza Croci con autovetture proprie e partenza per Trapani. Traghetto per l’isola di Levanzo. Arrivati al porto, partenza per Cala Dogana direzione Pizzo Monaco. Visita alla Grotta del Genovese previa prenotazione. Al rientro visitiamo cala Calcara e cala

Tramontana. Trasferimento a Favignana.

Dislivello: m 100:

Lunghezza del percorso: Km 10

Tempo di marcia: ore 3 circa

Natura del percorso: terreno naturale (E).

2° GIORNO

In bici visiteremo l’isola di Favignana percorrendo le tappe piu importanti:Cala Rossa, Cala Azzurra, Lido Burrone, Cala Monaci e Marasolo. Rientro in aliscafo a Trapani ed in serata a Palermo.

Dislivello: m 200:

Lunghezza del percorso: Km 30

Tempo: ore 6 circa

Natura del percorso: strada asfaltata

 

L'adesione all'escursione (9 mini appartamenti per un massimo di 18 persone), deve essere data nelle sede del Cai di Palermo entro martedi 23 Aprile 2019 dalle 17:30 alle 18:30, versando l'acconto di euro 80,00

(pernottamento, aliscafo, grotta del genoese, affitto bicicletta). Inoltre, la partecipazione dei non soci è consentita con il versamento delle quote stabilite nel programma dettagliato e solo dopo avere dato la precedenza

alla partecipazione dei soci, primi tra tutti quelli della Sezione di Palermo. La quota di partecipazione dei non soci di 10 Euro non include l'assicurazione che deve essere stipulata lo stesso giorno della prenotazione.

Spese: Plaia resort euro 39,00 a persona senza prima colazione.

Aliscafo:Trapani-levanzo-Favignana-Trapani, euro 26,00 a persona

Prenotazione e visita grotta del genovese euro 10,00 a persona

Affitto bici, intera giornata a Favigana euro 5,00

Pranzi a sacco e cena del sabato a carico di ciascun partecipante;

Contributo carburante euro 10.00.

 

 

 

 

 

 

RICORDA:

Chi non è socio può partecipare alle escursioni pagando una quota di €10,00 da consegnare al direttore presso il luogo di incontro di tutti i partecipanti, valida come acconto per la sua futura iscrizione purché entro l'anno sociale.

Se ti avvicini al mondo della montagna per la prima volta, è consigliabile leggere la sezione “PER INIZIARE”.